Singapore, aggiornamento produzione industriale

aggiornamento produzione industriale

Il mese scorso il valore della produzione industriale relativa a Singapore è aumentato più di quanto ci si aspettasse.

Statistics Singapore in un proprio report ha dichiarato che il valore per la produzione industriale di Singapore e appunto salito a un tasso annuale del 7,7% dallo 0,7% del mese precedente.

Gli analisti in base alle loro previsioni erano convinti che il valore per la produzione industriale di Singapore si sarebbe incrementata allo 0,5% il mese scorso.

Continue Reading

Coppia NZD/USD

nzdusd coppia

E’ iniziata una nuova settimana di contrattazioni e oggi il Dollaro neozelandese ha fatto registrare un valore più basso rispetto al cugino americano con la coppia NZD/USD che stata scambiata 0,7139 scendendo dello 0,36%.

La coppia valutaria ha trovato una quota di supporto posta a 0,6982 che risulta essere il valore più basso fatto registrare da mercoledì scorso e una quota di resistenza posta 0,7322 che invece è il valore più alto fatto registrare da mercoledì scorso.

Allo stesso momento il Dollaro neozelandese ha avuto un valore più basso rispetto al Dollaro australiano e anche alla nostra moneta unica con la coppia AUD/NZD

che sale dello 0,26% toccando quota 1,0473 e la coppia EUR/NZD che sale dello 0,09% toccando quota 1,5678.

Continue Reading

Sale la coppia USD/JPY

usd-jpy

Questo lunedì il valore del Dollaro americano è stato più alto nei confronti dello Yen giapponese con la coppia USD/JPY che stata scambiata a 101,82 facendo segnare un aumento dello 0,23%.

La coppia è arrivata a trovare una quota di supporto a 99,92 che risulta essere il valore più basso fatto registrare da Mercoledì

e una quota di resistenza posta 103,12 che rappresenta la più alta da Lunedì.

Allo stesso momento il valore del Dollaro americano è stato più basso rispetto all’Euro e anche alla Sterlina inglese con la coppia EUR/USD che guadagna lo 0,16% toccando quota 1,1321 e la coppia GBP/USD che sale dello 0,09% toccando quota 1,3228.

Continue Reading

Resoconto sanzioni 2012-2014

Resoconto sanzioni

Una fonte dell’Antitrust ha riferito che dal 2012 al 2014 le sanzioni irrogate hanno raggiunto la cifra di circa 400 milioni di euro, oltre questo ha anche spiegato che il bilancio per il 2015 non è ancora chiuso quindi gli importi finali non sono ancora disponibili.

Più della metà della somma pari a 210 milioni di euro è stata raccolta nel 2014, di questi, 190 milioni di euro sono relativi alle infrazioni alla normativa concorrenziale mentre i restanti 30 milioni sono relativi a multe per infrazioni in materia di tutela del consumatore.
Per l’anno 2012 le multe ammontano a circa 55 milioni di euro e nel 2013 a 130 milioni di euro.

Tutto questo per farvi capire che la percentuale delle somme realmente incassate dallo Stato è cresciuta nell’arco del tempo.

Nel 2014 si è arrivati al 99,85% nel caso di infrazioni alla concorrenza mentre la percentuale del pagato nel settore delle violazioni al codice di consumo è più bassa al 70%, questo a causa dell’enorme difficoltà nel reperire gli operatori dell’e-commerce che hanno la sede legale fuori dall’Europa.

Continue Reading

Produzione italiana rinnovabili in aumento

Fonti rinnovabili

Le cinque fonti rinnovabili poste in Italia nel 2015 hanno prodotto circa 110.000 gigawattore di energia a fronte di un consumo interno di 340.000.

Questo risultato ha fatto si che per quanto riguarda l’anno appena passato, la produzione totale scaturita da fonti rinnovabili ossia solare, eolica, geotermica, bioenergie e idraulica

abbia raggiunto il 34,6% dei fabbisogni interni del nostro paese

.

Questo è quello che si evince dal rapporto che è stato reso noto oggi dopo un’indagine accurata effettuata dal gestore dei Servizi Elettrici (GSE).
Il 2015 ha messo in risalto un calo della produzione eolica e idrica mentre è aumentata la produzione relativa a tutte le altre fonti, parlando di numeri il settore eolico ha perso circa 2.000 gigawattora e quello idrico circa 13.000 gigawattora.

Continue Reading